I migliori manager comprendono le emozioni dei loro dipendenti e anche le proprie

22 novembre 2019

di Molly West Duffy e Liz Fosslien

 

Come suonare il flauto o scegliere la misura giusta del contenitore per gli avanzi, essere un buon manager è una competenza. Non sei nato sapendo suonare le scale armoniche o indovinando ad occhio il quantitativo giusto di pasta – è qualcosa che si impara e si pratica. E quando si tratta di allenare i muscoli manageriali e di guidare gli altri durante un percorso di carriera, ci sono molte abilità emotive che possono davvero potenziare il tuo kit di strumenti.

 

Abbiamo studiato gli effetti delle emozioni sul posto di lavoro, e la ricerca mostra che i manager possono creare o distruggere un ufficio. In un sondaggio, il 50% delle persone ha dichiarato di aver lasciato un lavoro per allontanarsi da un cattivo manager. (In un altro sondaggio, il 65% delle persone ha affermato che avrebbe scambiato un nuovo capo per un aumento di stipendio. Ahi.)

I manager spesso fissano il contesto del luogo di lavoro. Ma ciò non significa che il management debba essere un lavoro stoico e privo di emozioni. In effetti, pensiamo che dovrebbe essere il contrario.

Non esiste una formula prestabilita per diventare un capo perfetto, ma abbiamo alcuni suggerimenti per costruire una cultura emotiva positiva in ufficio e supportare le esigenze delle persone che lavorano per te.

 

Gestisci individualmente

Dopo aver intervistato quasi 80.000 persone, il ricercatore Marcus Buckingham ha concepito l’idea che i manager medi giochino a dama, mentre i grandi manager giochino a scacchi. Nella dama, ogni pezzo è uguale: sono intercambiabili. Vincere una partita a scacchi, invece, richiede di capire i punti di forza e di debolezza di ogni pezzo e non puoi giocare bene a meno che tu non capisca perché ogni pezzo è unico.

Uno degli esempi preferiti di Mollie di questo approccio individualizzato è il nuovo sondaggio IDEO sui dipendenti, che include domande come “Qual è il tuo snack preferito in ufficio?” e “Che tipo di fiori ti piacciono?” Le risposte danno ai team una chiave di lettura dei loro nuovi colleghi e aiutano i manager a soddisfare gli interessi individuali di un neoassunto, anche se è solo una preferenza per la vaniglia rispetto al cioccolato.

 

Affronta i tuoi sentimenti senza diventare “emotivamente povero”

Nel suo libro “Radical Candor”, Kim Scott ricorda una mattina quando un collega le disse: “So che tipo di giornata avrò dall’umore che hai quando varchi la porta”. Gestire i tuoi sentimenti è importante quanto gestire la tua squadra; ciò che consideri un commento da buttare o un cattivo umore momentaneo può rovinare la giornata di qualcuno. I manager reattivi e irascibili sono offensivi e demoralizzanti.

Ma non far finta che non ti sia permesso provare sentimenti (sei un essere umano. Accettalo!). “L’idea che non avrai mai una brutta giornata da capo è una cazzata”, afferma Kim. “La cosa migliore da fare è affrontarla. Di ‘al tuo team: “Sto passando una brutta giornata e sto facendo del mio meglio per non scaricarla su di voi. Ma se vi sembra che io stia avendo una brutta giornata, è così. ”

Non devi necessariamente entrare nei minimi dettagli (la condivisione eccessiva è un altro argomento complicato), ma riconoscere che sta succedendo qualcosa può aiutare chi ti circonda a evitare inutili ansie.

campaign-creators-gmsnxqiljp4-unsplash

 

Capisci te stesso prima

Come abbiamo detto: sei umano. Ciò significa che hai le tue risposte emotive da sbrogliare prima di essere completamente attrezzato per aiutare gli altri a fare lo stesso. I migliori leader sono in grado di premere il pulsante pausa quando diventano emotivi, misurarsi con i loro sentimenti e capire da dove provengono. Invece di agire immediatamente, si chiedono: “Cosa c’è dietro questa emozione?”

Un grande manager si renderà conto, ad esempio, che l’ansia di rispettare una scadenza può essere mitigata costruendo la struttura per aiutare una squadra a lavorare in tempo, o che una dura revisione del progetto significa che la prossima volta potrebbero essere necessari più prototipi. Attingere al tuo kit di strumenti emotivi ti aiuterà ad armare gli altri per le esigenze emotive dell’ufficio.

 

Ascolta

Sembra semplice, ma vale la pena ripeterlo. Una delle domande che il professor Adam Grant di Wharton pone più spesso è: come vengono ascoltati i suggerimenti quando non si è in carica? “Queste non sono domande che i leader si pongono”, osserva Grant. Ascoltare le persone è una parte estremamente importante per far loro sapere che apprezzi il loro lavoro.

L’ascolto è anche l’unico modo in cui i leader possono comprendere la fonte di problemi o forti emozioni. Come manager, fai domande invece di cercare immediatamente di risolvere i problemi. Non capirai mai la prospettiva di un’altra persona se non ascolti e mostri compassione.

 

Trova il tempo per dare priorità a te stesso

Gestire significa cucinare qualcosa su ogni bruciatore senza bruciare nulla. Devi anche valutare perfettamente ogni passaggio per assicurarti che il pasto si combini. Se il solo pensiero di cercare un equilibrio ti esaurisce, prova a prenderti un “ora di Shultz”. Quando era in carica, l’ex segretario di Stato George Shultz preservava un’ora ogni settimana per una riflessione solitaria con carta e penna. A nessuno era permesso di interromperlo (tranne il presidente o sua moglie, comprensibile).

Se stare da solo ti sembra un po’ troppo isolante, cerca supporto. Prova a connetterti con colleghi e persone che hanno un ruolo simile con il quale ti senti al sicuro a parlare apertamente di questioni personali e professionali. Come ci ha detto Liz Koenig, che ha gestito gli insegnanti di Teach for America, “non si può versare da una tazza vuota”.

 

Riconoscere le emozioni sul posto di lavoro è una cosa; sfruttare il loro potere per diventare un manager migliore è un’altra. Non è impossibile, ma richiede lavoro. Consigliamo di non indossare una maschera coraggiosa, ma di diventare un po’ vulnerabili con le persone che lavorano per te. Ecco un ultimo promemoria: sei umano.

 

 

Fonte: https://www.ideo.com/blog/the-best-managers-understand-their-employees-emotions-and-their-own