Tre semplici abitudini per migliorare il tuo pensiero critico

17 giugno 2019

di Helen Lee Bouygues

Alcuni anni fa, un amministratore delegato mi ha assicurato che la sua azienda fosse leader nel mercato. “I clienti non andranno via per i concorrenti”, ha aggiunto. “Costa troppo per loro cambiare.” In poche settimane, il colosso manifatturiero Procter & Gamble ha scelto di non rinnovare il contratto con l’azienda. Il CEO era scioccato, ma non avrebbe dovuto esserlo.

Per più di 20 anni, ho aiutato le organizzazioni in difficoltà. A volte sopraggiungono queste difficoltà perché sono state mal gestite. A volte non sono state al passo con le tecnologie in evoluzione. In alcuni casi, i membri del team senior erano semplicemente negligenti. Ma nella mia esperienza, questi problemi organizzativi condividevano una causa alla radice: una mancanza di pensiero critico.

Troppi leader aziendali ragionano sulle questioni urgenti non prendendosi il tempo di valutare l’argomento da più punti di vista.  I leader spesso saltano alla prima conclusione, indipendentemente da quali siano le prove. Ancora peggio, i leader della C-suite sceglieranno semplicemente le prove che supportano le loro convinzioni precedenti. Anche la mancanza di metacognizione – o di pensare al pensiero – è un fattore importante, che rende le persone semplicemente troppo sicure.

La buona notizia è che il pensiero critico è un’abilità acquisita. Per aiutare le persone a migliorare, ho recentemente avviato una fondazione senza scopo di lucro. Sulla base della mia esperienza personale e del lavoro dei nostri ricercatori, ho raccolto tre semplici cose che puoi fare per migliorare le tue capacità di pensiero critico:

1. Ipotesi di domanda

2. La ragione attraverso la logica

3. Diversificare il pensiero

Ora, potresti pensare: “Lo faccio già”. E probabilmente lo fai, ma semplicemente non nel modo più deliberato e completo possibile. Coltivare queste tre mentalità chiave è molto utile per aiutarti a migliorare le tue abilità nel mercato del lavoro.

 

Ipotesi di domanda

Quando lavoro per cambiare un’organizzazione, di solito inizio mettendo in discussione le ipotesi dell’impresa. Una volta ho visitato dozzine di negozi di una catena, fingendomi un acquirente. Scoprimmo presto che l’azienda aveva presunto che i suoi clienti avessero un reddito molto più alto di quello che avevano realmente. Questa convinzione errata ha fatto sì che la società sovrastimasse il suo abbigliamento. Avrebbero fatto milioni in più ogni anno se avessero venduto camicie e pantaloni meno costosi.

Certo, è difficile mettere in discussione tutto. Immagina di passare la giornata chiedendoti: il cielo è davvero blu? Cosa succede se la persona accanto a me non è la mia collega ma sua sorella gemella? Come faccio a sapere che l’economia non imploderà domani?

Il primo passo per mettere in discussione le ipotesi, quindi, è capire quando mettere in discussione le ipotesi.  Un approccio interrogativo è particolarmente utile quando la posta in gioco è alta.

Quindi, se ti trovi in ​​una discussione sulla strategia aziendale a lungo termine sulla quale si baseranno anni di sforzi e spese, assicurati di porre domande di base sulle tue convinzioni: come fai a sapere che il business aumenterà? Che cosa dice la ricerca sulle tue aspettative sul futuro del mercato? Ti sei preso il tempo di metterti nei panni dei tuoi clienti come “secret shopper”?

Un altro modo per mettere in dubbio le tue ipotesi è considerare alternative. Potresti chiedere: e se i nostri clienti cambiassero? Cosa accadrebbe se i nostri fornitori fallissero? Questo tipo di domande ti aiuta a ottenere nuove e importanti prospettive che aiutano a perfezionare il tuo modo di pensare.

nikita-kachanovsky-494828-unsplash

La ragione attraverso la logica

Anni fa, ho assunto il compito di trasformare la divisione di una grande compagnia di lingerie. La crescita di una delle sue principali linee di prodotti era in declino da anni. Nessuno riusciva a capire perché.

Si è scoperto che la società aveva commesso l’errore dell’eccessiva generalizzazione, tracciando una conclusione radicale basata su prove limitate o insufficienti. Vale a dire, la società credeva che tutti i loro clienti internazionali avessero preferenze simili in lingerie. Quindi ha spedito gli stessi stili di reggiseno a tutti i negozi di tutta Europa.

Quando il mio team ha iniziato a parlare con il personale e i consumatori, ci siamo resi conto che i clienti di diversi Paesi hanno riferito gusti e preferenze molto diversi. Le donne britanniche, ad esempio, tendevano ad acquistare reggiseni di pizzo con colori vivaci. Le donne italiane preferivano reggiseni beige, senza pizzo. E quelli negli Stati Uniti hanno guidato il mondo negli acquisti di reggiseni sportivi.

Per questa compagnia di lingerie, migliorare il loro modo di pensare ha aiutato a incrementare drasticamente i profitti. La buona notizia è che la pratica formale della logica risale ad Aristotele, almeno 2000 anni fa. Nel corso di questi due millenni, la logica ha dimostrato il suo merito raggiungendo solide conclusioni.

Quindi, nella vostra organizzazione, prestate molta attenzione alla “catena” di logica costruita da un argomento particolare. Chiediti: la tesi è supportata in ogni punto dalle prove? Tutte le prove si accumulano l’una sull’altra per produrre una conclusione valida?

Essere consapevoli di errori comuni può anche consentire di pensare in modo più logico. Ad esempio, le persone spesso si impegnano in ciò che è noto come pensiero “post hoc”. In questo errore, le persone credono che “poiché l’evento Y ha seguito l’evento X, l’evento Y deve essere stato causato dall’evento X.”

Così, per esempio, un manager può credere che i suoi agenti di vendita accumulino più vendite in primavera perché sono motivati dagli interventi offerti alla conferenza annuale delle vendite di febbraio – ma fino a quando tale presupposto non sarà testato, non c’è modo per il manager di sapere se la sua convinzione è corretta.

 

Cerca la diversità di pensiero e collaborazione

Per anni, sono stato l’unico partner femminile del team di trasformazione di McKinsey. E oggi che lavoro in più di una mezza dozzina di consigli di amministrazione, sono solitamente l’unica asiatica e l’unica donna nella stanza durante le riunioni.

In virtù del mio background e delle esperienze di vita, tendo a vedere le cose in modo diverso dalle persone intorno a me. Questo ha spesso giocato a mio vantaggio. Ma nemmeno io sono immune dal pensiero di gruppo. Quando sono in giro con persone simili a me per qualsiasi motivo – età, politica, religione – cerco di sollecitare punti di vista diversi. Mi rende un pensatore migliore.

ali-yahya-755909-unsplash

 

È naturale che le persone si raggruppino insieme con persone che pensano o agiscono come loro. Ciò accade in particolare online, dove è così facile trovare una specifica nicchia culturale. Gli algoritmi dei social media possono restringere ulteriormente le nostre prospettive, servendoci solo le notizie che si adattano alle nostre convinzioni individuali.

Questo è un problema. Se tutti i nostri circoli sociali pensano come noi, diventiamo più rigidi nel nostro modo di pensare e meno propensi a cambiare le nostre convinzioni sulla base di nuove informazioni. Infatti, più le persone ascoltano persone che condividono le loro opinioni, più le loro opinioni diventano polarizzate.

È fondamentale uscire dalla tua bolla personale. Puoi iniziare in piccolo. Se lavori nella contabilità, fai amicizia con le persone del marketing. Se vai sempre a pranzo con lo staff senior, vai a una partita di baseball con i tuoi colleghi junior. Allenarsi in questo modo ti aiuterà a sfuggire al tuo pensiero abituale e ad acquisire informazioni più approfondite.

Nel lavoro di squadra, dai alle persone la possibilità di esprimere le proprie opinioni in modo indipendente senza l’influenza del gruppo. Quando chiedo consiglio, ad esempio, di solito rifiuto le mie preferenze e chiedo ai membri del team di mandarmi le loro opinioni via email in note separate. Questa tattica aiuta a impedire che le persone si impegnino in un pensiero di gruppo.

Sebbene queste semplici tattiche possano sembrare facili o anche ovvie, sono rare nella pratica, in particolare nel mondo del lavoro, e troppe organizzazioni non si prendono il tempo per impegnarsi in forme di ragionamento consistenti. Ma l’importante lavoro di pensiero critico paga. Mentre la fortuna gioca un ruolo – a volte piccolo, a volte grande – nei successi di un’azienda, le vittorie aziendali più importanti vengono raggiunte attraverso il pensiero intelligente.

 

Fonte: https://hbr.org/2019/05/3-simple-habits-to-improve-your-critical-thinking

Traduzione di Fabiola Delli Santi