Le emozioni fanno parte del posto di lavoro: ecco perché

13 maggio 2019

di Anna Silverstein e Mollie West Duffy

 

Le emozioni influenzano tanti aspetti del lavoro, dalla collaborazione al processo decisionale, alla motivazione, alla comunicazione tra dipendenti e manager. Ma nella cultura americana del lavoro, “emotivo” può essere una parolaccia. C’è una concezione sbagliata secondo cui esprimere sentimenti sia poco professionale o fuori luogo in ufficio.

La designer di IDEO Mollie West Duffy non è d’accordo. “Ignorando i nostri sentimenti sul lavoro, trascuriamo dati importanti e commettiamo errori evitabili” dice. “Inviamo e-mail che causano ansia inutile, non riusciamo a rendere il lavoro significativo, e siamo più propensi a mollare”.

 

Il mese scorso, la West e il suo coautore Liz Fosslien hanno pubblicato “No Hard Feelings: Emozioni a lavoro e come queste ci aiutano ad avere successo”, che spiega come sfruttare le emozioni per far progredire la carriera. “La maggior parte di noi non ha mai imparato come farlo nelle nostre vite professionali, né tantomeno ci era consentito ammettere quanto importanti fossero i sentimenti sul lavoro” dice. Anna Moore Silverstein di IDEO si è seduta con Mollie per saperne di più.

Cosa ti ha ispirato a scrivere questo libro?

L’ispirazione per questo libro proviene dal fatto che, quando io e Liz abbiamo iniziato i nostri primi lavori, pensavamo che i professionisti non fallissero, non si agitassero e sicuramente non avessero sentimenti. Ma presto ci siamo resi conto che questo punto di vista non solo non era realistico ma ostacolava il nostro senso di realizzazione ed il nostro successo. Il nostro obiettivo, quando abbiamo iniziato a elaborare No Hard Feelings, era capire meglio le nostre emozioni: quando sono utili e quando fanno solo rumore? Possiamo modellarle per cambiare il modo in cui sperimentiamo il lavoro?

Puoi spiegare il concetto di una cultura del lavoro emozionale?

La cultura emozionale è come e in che misura i dipendenti di un’azienda esprimono sentimenti al lavoro. Ogni ufficio ne ha una, anche se poche aziende parlano di norme emotive. La cultura emozionale influisce su quanto ci piace il nostro lavoro, su quanto ci sentiamo stressati e sulla nostra capacità di lavorare bene e nei tempi.

Per farci immediatamente un’idea sulla cultura emotiva di un ufficio, Adam Grant suggerisce di dire ad un dipendente: “Raccontami una storia su qualcosa che potrebbe accadere solo qui”. Ad esempio, nello studio IDEO di New York, i pranzi del giovedì sono dedicati a prendersi del tempo. Attività creative come pittura ad olio aromatica, gruppi scrittura di poesie haiku, disegno contorno cieco, aiutano i dipendenti a diventare bizzarri. Ci sono anche altri tenui segnali che indicano quale tipo di emozioni siano accettabili in uno spazio di lavoro. I tuoi colleghi sembrano più a proprio agio ad esprimere frustrazione o gioia? Ci sono dei tessuti nelle sale riunioni (che potrebbero indicare che va bene piangere)? Va bene rispondere alle e-mail con una divertente GIF di gatto?

Perché la cultura emozionale è così importante?

Quando ci sentiamo supportati e motivati dai nostri colleghi, siamo più felici, più produttivi e restiamo più a lungo. Siamo anche più sani e in grado di far fronte allo stress sul lavoro. E quando i nostri capi rispondono ai nostri errori con pazienza invece che con rabbia, abbiamo più fiducia in loro.

Come designer di organizzazioni, aiuti le persone a progettare e superare i cambiamenti nelle loro organizzazioni, e il cambiamento può essere difficile. Come ti rapporti con le emozioni dei clienti?

Una frase che diciamo molto a IDEO è “il cambiamento è bello”. Ma il cambiamento è anche scomodo e può essere un ottovolante emotivo.

Per supportare questo viaggio emotivo, cerchiamo di fissare i tempi per dei check settimanali. Nel mio ultimo progetto, ogni venerdì avevamo una retrospettiva che coinvolgeva il team del cliente. Abbiamo chiesto a tutti di andare in giro e condividere una cosa che è andata bene, una cosa che avrebbero voluto cambiare e i loro sentimenti generali riguardo alla settimana. Questo ci ha aiutato a condividere i nostri sentimenti in un tempo dedicato, quindi è sembrato meno imbarazzante.

Ho anche dovuto lavorare sulle mie emozioni con i clienti. Tendo ad avere un’espressività sotto la media, il che significa che elaboro i miei sentimenti all’interno. Quindi sto lavorando per provare a scaldarmi più velocemente. Provo a verbalizzare quanto mi sento emozionato per un progetto e una squadra, per far crescere le energie. Cerco anche di verbalizzare quando mi sento sopraffatto e ho bisogno di più aiuto. È un processo in corso!

swissarmy

 

Ci sono altri esercizi che consiglieresti per aiutare un’azienda a costruire una cultura emotiva migliore?

La consapevolezza è uno strumento di comunicazione davvero potente. Molti dei CEO intervistati da Adam Bryant del New York Times creano “guide per l’utente” o “guide su come lavorare con me” per semplificare la collaborazione. È uno dei modi migliori per prevenire potenziali incomprensioni o ferire i sentimenti. Per ottenere lo stesso risultato con il tuo team, Adam consiglia di fermarsi un’ora per rispondere alle domande seguenti.

Quello che tutti dovrebbero sapere su di te:

1. Quali sono alcune cose oneste e non filtrate su di te?

2. Cosa ti fa impazzire?

3. Quali sono le tue stranezze?

4. Quali qualità apprezzi particolarmente nelle persone che lavorano con te?

5. Quali sono alcune cose che le persone potrebbero fraintendere su di te e che dovresti chiarire?

Come lavorare con te:

1. Qual è il modo migliore per comunicare con te?

2. In quali ore vogliamo lavorare insieme? Dove e come vogliamo lavorare (stessa stanza, quali tipi di riunioni, quali tipi di condivisione di file, ecc.)?

3. Quali sono i nostri obiettivi per questa squadra? Quali sono le nostre preoccupazioni per questa squadra?

4. Come prenderemo le decisioni? Quali tipi di decisioni hanno bisogno di consenso? Come affronteremo il conflitto?

5. Come vogliamo dare e ricevere feedback (uno a uno, in gruppo, informalmente o durante un orario specifico ogni settimana)?

Per me, rispondere a queste domande significava rivelare alle persone che mi scaldavo lentamente. Una volta che le persone mi conoscono, penso che mi trovino cordiale, generoso e persino sciocco. Ma all’inizio sembro più riservato e serio. Per Liz, si trattava di mostrare agli altri che ama essere lasciata sola, quando lavora. Per le persone che si divertono spesso a mandare email o messaggi a vicenda, il suo comportamento potrebbe sembrare antisociale, ma è una persona che ha bisogno di concentrarsi sul lavoro: il rimbalzo cognitivo è una perdita di produttività.

Esercizi come questi rendono facile per le persone essere oneste in anticipo, e determinare un tono emotivo per la squadra o l’ufficio. Condividendo in anticipo, puoi rendere più facile alle persone incontrarsi e preparare il terreno per condividere sentimenti e preferenze durante tutto il processo.

 

Fonte: https://www.ideo.com/blog/turns-out-emotions-do-belong-in-the-workplace-heres-why

Traduzione di Fabiola Delli Santi